Vai ai contenuti

RIABILITAZIONE NEUROPSICOMOTORIA IN ACQUA

_______________________________
 

 
 
La mente umana ed i suoi labirinti incidono notevolmente sull’utilizzo delle funzioni cognitive e di quelle motorie, pertanto risulta chiaro che i campi su cui ci si deve muovere nell’ambito delle disabilità neuropsicomotorie sono molteplici. Sappiamo bene che il corpo è lo strumento con cui la persona fornisce risposta a stimoli ambientali ed esterni, e che lo fa solo in seguito ad una elaborazione progettuale del movimento, della reazione, del comportamento, ecc. da parte del cervello e dell’area cognitiva. Si tratta di una catena, nulla può fare a meno del resto. Se però il bambino ha un deficit tale da non permettergli di ricevere in maniera corretta le stimolazioni esterne non riuscirà a recepire lo stimolo, non lo interiorizzerà a livello cognitivo, non formerà alcuno schema motorio e di conseguenza non ci sarà alcun tipo di apprendimento psicomotorio.
RIABILITAZIONE NEUROPSICOMOTORIA IN ACQUA
Risulta importante in questi casi, integrare le canoniche terapie neuropsicomotorie con trattamenti di neuropsicomotricità in acqua. L’acqua è un mediatore magico, lavorare in acqua è estremamente gratificante per il bambino perché oltre a scatenare la sua fantasia, sono amplificate tutte le sensazioni tattili, vestibolari e propriocettive che stimolano le attività neuronali e biomeccaniche. Il neuropsicomotricista in acqua attraverso il gioco educa il bambino a muoversi e ad interagire con il nuovo ambiente per creare in lui un adattamento flessibile e attivo, favorisce il rilassamento corporeo ed il piacere senso-motorio del bambino, facilita l’esplorazione dell’ambiente e l’adattamento del bambino all’acqua. La neuropsicomotricità in acqua è importante sia in quei bambini con difficoltà socio-relazionali e comportamentali, in cui risulta latente il contatto oculare, la relazione con l’altro non è funzionale, in cui sono presenti difficoltà di triangolazione, stereotipie, comportamenti disfunzionali, ecc. che in tutti i bambini con disabilità fisiche, neuromotorie, di percezione corporea e minorazioni sensoriali. Nel primo caso, avendo necessariamente bisogno di aiuto e di sostentamento il bambino è maggiormente disponibile alla relazione con l’adulto, ne richiede la presenza e il contatto, aumenta così la durata della relazione, sono molto favoriti l’aggancio visivo ed i tempi di attenzione, si intensifica il dialogo corporeo favorendo la reciproca socializzazione e la comunicazione.

L’acqua diventa uno strumento di mediazione tra il bambino ed il terapista, ed il bambino stesso sentendosi quasi dipendente dal terapista, si attiva per innescare meccanismi di scambio funzionali. Nel secondo caso, l’acqua e le sue proprietà fisiche (viscosità, volume, densità, ecc) favoriscono il rilassamento muscolare, stimolano la ricerca del movimento e dell’azione che nel bambino sono innate quando si attiva il piacere sensomotorio, pertanto oltre ad improntare un lavoro statico, manuale, sulla struttura muscolare del bambino, grazie alle attività ludiche in acqua, si stimola il bambino a provare (e trovare) nuovi schemi di movimento. L’acqua quindi rappresenta un’efficace risorsa terapeutica che ci permette di arricchire la terapia in stanza.

La neuropsicomotricità in acqua in conclusione, favorisce il rilassamento muscolare, accresce le capacità di adattamento alle novità, contribuisce allo sviluppo delle capacità psicomotorie, permette di apprendere o modificare sequenze di movimenti anche complesse, favorisce lo scambio sociale, il contatto oculare, il gioco, il piacere senso motorio e riduce i comportamenti stereotipati e disfunzionali.
Per tutti questi motivi, la terapia neuropsicomotoria in acqua è consigliata in caso di:
 
  • Disturbi dello Spettro Autistico;
  • Disturbi della coordinazione motoria;
  • Disordini dello sviluppo motorio;
  • Ritardi cognitivi;
  • Paralisi Cerebrali Infantili;
  • Ritardi neuropsicomotori;
  • Sindromi Genetiche;
  • Iperattività e deficit dellattenzione;
  • Minorazioni sensoriali (sordità, mutismo, disturbi visivi);
  • Disturbi dello schema corporeo.
                 
TI POTREBBE INTERESSARE
Neuropsicomotricità infantile
Riabilitazione In Acqua
Tutor Aba
Neuropsicomotoria
COMPILA IL FORM IN BASSO
PRENOTA ADESSO UNA VISITA





Termini e Condizioni
Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento alla memorizzazione dei miei dati nel vostro archivio secondo quanto stabilito dal regolamento europeo per la protezione dei dati personali n. 679/2016, gdpr.

Acconsento
Acconsento al trattamento dei dati personali, per finalità legate ad attività di marketing diretto (invio e ricezione di materiale informativo).
riga fmedical
SCEGLI UN ALTRO METODO DI PRENOTAZIONE


RICHIAMATA


Inviaci il tuo numero
e ti richiamiamo noi


TELEFONO


Chiamaci Siamo Disponibili
dalle 7:00 alle 21:00


VIA MAIL

Inviaci una email a :
info@f-medical.it con il numero di tel e i dettagli della prenotazione
Privacy Policy







Dove Siamo
Prenota Una Visita
C.S. F-MEDICAL GROUP S.c. a r.l. - Via Armando Fabi, 41 - 03100 Frosinone (FR) - Tel. 0775.174.1655  - Email:  info@f-medical.it  - pec:  fmedical@pec.it
C.F./P. IVA 03000950604 - Iscrizione CCIAA FR - REA FR-193127 - Aut. Reg. n. G00839 - Dir. San. Dott. Giovanni Cirillo  iscritto O.d.M. FR n. 995
Sito Web Realizzato da: DAG STUDIO
Torna ai contenuti